------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

DOLOMITIDIBRENTA

DOLOMITIDIBRENTA

cappadocia ultratrail

cappadocia ultratrail

lunedì 8 novembre 2010

37° - MEGLIO DI UNA GEISHA

lo Gnomo del bosco

TA Bagno di Romagna, bellissima giornata trascorsa nell'appennino Tosco-Romagnolo, organizzato dai simpaticissimi Pelo, Oliver e Cristian, ritrovo alle 8,30 nella piazza centrale, io come al solito alle 7,30 ero già lì, mi faccio un giretto, rifaccio colazione ed ecco piano piano che si cominciano a vedere in giro persone strane, cioè dei Trailer.

Il tempo purtroppo non è dei migliori, ma comunque non piove e questo è importante, è arriva l'ra della partenza, siamo una ventina, con molte facce nuove ed anche alle prime esperienze, partiamo dietro la nostra guida Cristian e la moglie, i primi 2 km purtroppo sono su asfalto, si sale verso i Mandrioli, ma poi terminati comincia il vero divertimento.


Ora si comincia a salire sul sentiero 00, lungo 330 km, fin dal medioevo transitava una "via peregrinorum" descritta in guide duecentesche, percorsa dai devoti romei per valicare l'Appennino e recarsi a Roma. Oggi, un tratto di quel percorso di fede, è una splendida mulattiera densa di suggestioni e paesaggi, bellissima da percorrere, anche se con questo tempo è anche molto scivoloso, poi con i colori che ti circondano è impossibile non fermarti spesso.


Continuiamo a salire, mi sento molto bene, fiato e gambe vanno alla grande, anche se alcuni tratti sono veramente ripidi, tanto ci fermeremo spesso ad aspettare la coda del gruppo, ed intanto scatto e riscatto il bellissimo paesaggio, eccoci arrivati a Nasseto un'altopiano erboso, ora finalmente si può corricchiare, continui sali e scendi veramente divertenti, uno splendito viale d'aceri e cerri indica l'antico percorso, che seguita sulla mezza costa di una formazione di galestro scivoloso e friabile, per poi immergersi nella densa faggeta che ricopre le pendici di monte Zuccherodante. Finalmente, dopo molti tornanti, si sbuca a Passo Serra (slm 1150). Un cippo, posto nel 1998, ricorda questo antico itinerario, da qui ora raggiungiamo il Passo dei Mandrioli


Qui ci si divede, si formano 2 gruppi, i più lenti tornano x un'altra via, mentre noi si sale di nuovo sino al punto più alto del TA, mt 1270, questo brevissimo tratto è molto ripido e scivoloso, in mezzo alla faggeta, arrivati ci aspetta un lungo tratto, sempre in mezzo la faggeta, con l'aggiunta di tantisismo fango, molto divertente. Qui in alcuni tratti il tempo era veramente da lupi nebbia e buio, atmosfera come al Trail dell Foreste Casentinesi, non ci siamo fatti proprio mancare nulla.


Terminato questo tratto, da adesso in poi si scende solo, la prima discesa è abbastanza ripida, ma il problema sono i sassi e tronchi sotto le foglie, sono molto insidiosi, basta un'attimo x cadere e farsi male, io come al solito scendo molto calmo, mentre invece la seconda discesa è molto corribile e divertente, qui mi lascio andare, saltello come uno stambecco, sento che le gambe hanno proprio bisogno di andare, dopo il freno di prima devono risciogliersi.


Prima della fine della discesa, raggiungiamo il 2° gruppo, che con calma sta finendo questo fantastica fatica, eccoci alla base, abbiamo percorso 21 KM in 3h45 D+ 1274, ci cambiamo velocemente, poi dopo aver consumato un'ottimo 3T, organizzato dai ravennati, si và a rilassarsi in piscina, nelle calde acque termali, a 37°, non Vi dico come si stava, ve lo immaginate vero, una GODURIA infinita, idromassagi fatti nei punti strategici, hanno fatto sì che oggi mi sembra di non aver corso, questi 25€ son stati spesi bene.

la nostra posizione, mentre l'idro faceva il suo dovere

Ringrazio gli organizzatori e i partecipanti, è stata una bellissima giornata, di sport e amicizia, non vedo l'ora della prox, intanto gustatevi con calma le FOTO, i posti sono bellissimi, queste invece sono le FOTO di Pelo, un saluto a tutti dal M J

5 commenti:

KayakRunner ha detto...

Posti impervi e selvaggi! Le ultime 2 foto però sono le migliori :-)

Tosto ha detto...

dalle foto si evince che i posti erano suggestivi. Figata le terme finali :) invidia!

theyogi ha detto...

che fesso, ho messo il commento nel post precedente! vabè, in fondo vale per tutto quello che organizzate.... ;)

Pelo ha detto...

e grande Mitico , descrizione tecnica la tua , più fiabesca la mia ma in fondo sempre poesia è.

Miticojane ha detto...

@Kayak e Tosto è vero le ultime 2 foto sono le migliori, ma se non avessi fatto le prime non era la stessa cosa

@Yogi basta uno che propone, poi qualcuno si aggrega di sicuro

@Pelo hai ragione, tu sei più narratore io vado sul concreto